GECO per le esigenze degli alunni e degli operatori nell’ambito dei disturbi dello spettro autistico


GECO può essere di supporto a famiglie, docenti e operatori che lavorano nell’ambito dell’autismo

GECO favorisce l’apprendimento significativo attraverso un approccio multi-canale allo studio per valorizzare i punti di forza dello studente con disturbo dello spettro autistico. Le Linee Guida 2015-ISS sull’autismo affermano che “gli interventi che offrono un supporto visivo alla comunicazione sembrano determinare un incremento dell’imitazione spontanea e dei comportamenti di comunicazione sociale.” L’uso di supporti visivi permette agli studenti con disturbi dello spettro autistico di comprendere meglio l’ambiente, le abitudini e le aspettative insite in esso.

GECO come produttore di materiali

GECO permette  la produzione efficace di materiali di lavoro come:

  • Agende visive
  • Supporti visivi: tabelle, schede, racconti…
  • Strumenti visivi con immagini chiare ed efficaci

GECO e il lavoro sulle funzioni esecutive

Nell’ambito dello spettro autistico sono presenti carenze nella pianificazione, organizzazione e autoregolazione che portano degli ostacoli all’apprendimento; GECO può facilitare la costruzione di strumenti di comunicazione volti a lavorare su questi aspetti.

Per operatori e famiglie che lavorano con alunni con disturbi dello spettro autistico

Il Kit include, oltre al software GECO, molti materiali operativi accessibili da un’area riservata:

  • una completa Guida Operativa in ambito autismo, con esempi pratici e materiali pronti all’uso;
  • una galleria di schede pronte da utilizzare a supporto delle diverse aree di intervento;
  • video interviste con esperti del trattamento dei disturbi dello spettro autistico;
  • guide operative e video-tutorial per massimizzare l’utilizzo efficace per ciascun ambiente di GECO;
  • linea diretta con un esperto che può rispondere sull’impiego di GECO in ambito autismo.
VERSIONI E PREZZI

su www.anastasis.it

Ecco alcuni comportamenti associati ai disturbi dello spettro autistico
e la risposta offerta dai mezzi informatici e da GECO

I mezzi informatici offrono un’alta prevedibilità degli stimoli che possono essere programmati.

La risposta specifica di GECO: coerenza, ricorsività grafica (spaziale e cromatica) e strumentale nei vari ambienti.

I mezzi informatici offrono materiale prevalentemente visivo.

La risposta specifica di GECO: trasmissione dei contenuti e delle funzioni attraverso il canale visivo: con associazione parola-immagine, codici colore, galleria di oltre 4500 immagini (ulteriormente implementabile), elementi grafici (frecce, quadrati, evidenziatori, etc.).

I mezzi informatici offrono la possibilità di ripetizione infinita.

La risposta specifica di GECO: la possibilità di ripetizione illimitata e ascolto del materiale prodotto con la sintesi vocale.

I mezzi informatici offrono feedback sistematici come rinforzo.

La risposta specifica di GECO: la presenza di feedback visivi- uditivi sia di rinforzo che di autocorrezione.

I mezzi informatici non coinvolgono direttamente fattori sociali e offrono la possibilità di utilizzo dell’ICT come mediatore sociale.

La risposta specifica di GECO: utilizzo del software come strumento per la comunicazione, possibilità di creare: materiali personalizzati per l’aumento delle competenze lessicali, tabelle e mappe per aumentare le abilità pragmatiche e sociali, storie sociali.

I mezzi informatici consentono di mostrare a video solo le informazioni strettamente necessarie per minimizzare le distrazioni. La richiesta dei software di compiere scelte e decisioni aiuta a scandire il ragionamento in fasi.

La risposta specifica di GECO: facilità di movimento da un ambiente all’altro, immediatezza di passaggi procedurali, interazione flessibile tra gli ambienti, compresenza di due ambienti nella stessa schermata.

SCOPRI DI PIU’

su www.anastasis.it